Utero alchemico

L’utero è per noi donne la guida più grande, la nostra bussola interiore, la parte del nostro corpo che in assoluto possiede il linguaggio più diretto ed esplicito. 

Siamo in un’era incredibilmente fertile per recuperare questo nostro potere di Donna e riappropriarci della connessione intima e viscerale con la nostra essenza.

Partiamo però da un corpo ed un utero che per anni (e vite intere!) hanno immagazzinato memorie tossiche, condizionamenti della società e delle istituzioni, vincoli familiari e aspettative altrui su “come si deve comportare una donna”. L’utero registra tutto e si fa depositario di tutto ciò che viviamo e proviamo, assieme alle memorie ancestrali ereditate dall’albero famigliare e dalla collettività. 

Ci siamo dimenticate di essere padrone e regine del nostro corpo e che l’unica via per un autentico risveglio della consapevolezza di donna passa attraverso l’utero e il ritorno ad una ciclicità profonda. 

Liberare le memorie tossiche uterine significa scavare dentro a noi stesse ancora e ancora per togliere gli strati di ciò che non siamo e non siamo mai state per poter portare alla luce ciò che realmente siamo nel nostro intimo e come un fiore di loto uscire imperturbate dal fango. 

Ci sono molte pratiche che ci permettono di attivare il potere alchemico dell’utero, quel suo innato dono di trasmutare tutto, e la prima in assoluto da re-introdurre nella nostra vita è una pratica semplice che ogni donna può fare in autonomia: passare ad una mestruazione naturale e donare il sangue alla terra.

Che l’utero di ogni donna possa essere canale di trasmutazione e bussola di vita! Così sia!

Articolo di Madian Magdalena

Madian Magdalena

Tessitrice dello Spirito, da molti anni mi guidano nei miei passi Maria Maddalena e Yeshua che mi hanno (re)iniziata alla Via della Rosa e insieme a diverse Dee di questo lignaggio hanno risvegliato in me il Ricordo. Lavoro con l’arte oracolare e l’alchimia, le sacre tecnologie del corpo e la ginecologia naturale. Conduco percorsi e pellegrinaggi in luoghi sacri che vertono sul ritorno alla Sacra Unione.